Domenica 6 marzo Salussola ricorda il 66° dall’eccidio dell’8-9 marzo 1945 in cui vennero torturati e fucilati 20 giovani partigiani

Salussola 27 febbraio 2011 – Domenica 6 marzo Salussola ricorda il 66° dall’eccidio dell’8-9 marzo 1945 in cui vennero torturati e fucilati 20 giovani partigiani. La ricorrenza del 66° anniversario dell’eccidio del 1945, sarà ricordata domenica 6 marzo con una grande manifestazione concomitante con il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Alla manifestazione, oltre ad essere state invitate tutte le presenze sociali e culturali e associative del comune, sono stati invitati la maggior parte dei Comuni Biellesi, altri Vercellesi, Novaresi e altre realtà. Il Comune di Isnello in provincia di Palermo, paese che ha dato i natali al partigiano Ortoleva, uno dei venti uccisi, ha confermato la partecipazione, e sarà rappresentato da una delegazione guidata dal Sindaco. Le istituzioni ad alto livello saranno rappresentate dal senatore Picchetto Fratin Gilberto e dall’onorevole Roberto Simonetti, presidente della Giunta Provinciale. La cerimonia inizierà circa le ore 9,30 con il ritrovo davanti al Municipio dei familiari dei caduti, delle autorità politiche e religiose, dei combattenti e reduci, delle associazioni d’arma e di tutta la cittadinanza. Alle ore 10 la Santa Messa sarà celebrata all’interno della chiesa di Santa Maria Assunta dal parroco don Lodovico De Bernardi. Finita la Messa il corteo , guidato dalla Banda Musicale di Salussola, si muoverà per le vie del borgo fino al luogo del sacrificio, ove saranno depositati fiori e corone. Il sindaco Carlo Cabrio avrà l’onore di salutare e ringraziare gli intervenuti, mentre le orazioni ufficiali saranno tenute dal senatore Picchetto e dall’onorevole Simonetti. Il locale ecomuseo cittadino sarà aperto al pubblico dalle ore 9 alle ore 12 per poter visitare la sala dedicata all’eccidio; contemporanemante sarà accessibile anche il sacrario, luogo dove avvennero le torture.

[cir.cla./salussola]

Si ricorda che l’accesso al borgo Monte di Salussola è parzialmente ostruito da un cantiere sulla Via Roma (per i non residenti quella ripida che passa sotto la porta urbica), si consiglia di utilizzare l’altro accesso dalla collina di Via Guglielmo Marconi; poichè  i parcheggi delle piazze del Municipio e del Belvedere panoramico sono interessati dalla manifestazione, è consigliabile parcheggiare lungo le vie laterali, parcheggio del Museo, Piazza Alpini d’Italia, parcheggio davanti alle scuole elementari e parcheggio della palestra.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: