Dopo il confinamento: Oltre 88 milioni di euro alle categorie commerciali e artigianali maggiormente penalizzate

Salussola / Torino 3 maggio 2020 – Dopo il confinamento: Oltre 88 milioni di euro alle categorie commerciali e artigianali maggiormente penalizzate. Erogare un contributo a fondo perduto di oltre 88 milioni di euro alle categorie commerciali e artigianali maggiormente penalizzate dalla sospensione dell’attività subita negli ultimi due mesi dalle misure di contenimento introdotte per contrastare la pandemia provocata dal Coronavirus è l’obiettivo del Bonus Piemonte, misura che costituirà uno dei pilastri del disegno di legge della Regione “ Riparti! Piemonte ”.  A regolarne le modalità di assegnazione è l’accordo sottoscritto ieri mattina a Torino, nella sala della Giunta Regionale, dai presidenti della Regione Piemonte Alberto Cirio, di CasArtigiani Piemonte Francesca Coalova, di CNA Piemonte Fabrizio Actis, di Confartigianato Piemonte Giorgio Felici, di Confcommercio Piemonte Maria Luisa Coppa, di Confesercenti Piemonte Gian Carlo Banchieri, alla presenza degli assessori regionali al Commercio Vittoria Poggio e alle Attività produttive Andrea Tronzano.

Il dettaglio della misura

Il Bonus Piemonte, che costituisce uno dei pilastri di  ” Riparti Piemonte “, il piano da 800 milioni di euro  con cui la Regione sosterrà la ripartenza di imprese e famiglie e che sarà presentato nel suo complesso lunedì prossimo. sarà così distribuito:

  • 2.500 euro per  bar, gelaterie, pasticcerie, catering per eventi, ristoranti, agriturismi, sale da ballo e discoteche, saloni di barbiere e parrucchiere;
  • 2.000 euro  per la  ristorazione da asporto e i centri benessere;
  • 1.300 euro  per la  ristorazione non in sede fissa (gelaterie, pasticcerie, take-away);
  • 1.000 euro  per i  taxi  e i servizi di  noleggio con conducente.

La Regione, inoltre, abbatterà gli oneri e semplificherà le procedure di autorizzazione su suolo pubblico per la  creazione o  l’ ampliamento  dei  dehor , in modo da sostenere i pubblici esercizi nell’affrontare le misure di contenimento e distanziamento sociale previste per la Fase2.

Da metà di maggio  tutti gli interessati riceveranno da Finpiemonte una comunicazione via pec  per indicare il conto corrente su cui ricevere il contributo a fondo perduto, che verrà accreditato nell’arco di qualche giorno.

da Piemonte Informa

redazionale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: