Il sindaco Chioda ha chiarito con la Prefettura lo sforamento del Consiglio Comunale oltre l’orario delle ore 22.00

Salussola – Il sindaco Chioda ha chiarito con la Prefettura lo sforamento del Consiglio Comunale oltre l’orario delle ore 22.00. La vicenda dell’ultimo Consiglio Comunale di Salussola, che si è protratto oltre l’orario delle ore 22.00, come da dpcm, la notizia è trapelata, in paese, attraverso alcuni organi di stampa. Sembrava che la Prefettura di Biella avesse l’intenzione di richiamare o sanzionare il sindaco e i consiglieri. News Biella, il noto giornale on line, ha raccolto il parere dell’onorevole di Fratelli d’Italia Andrea Delmastro che si è pronunciato sull’accaduto: “La vicenda del Consiglio Comunale di Salussola è francamente inquietante. Il coprifuoco è misura che non può in alcun modo assurgere a strumento per inibire i consigli comunali, luoghi della democrazia e della partecipazione democratica“. “Credo che anche solo alimentare il dubbio che la partecipazione da parte di un eletto ad un consiglio comunale possa non integrare il “giustificato motivo” previsto dalla legge sia inaccettabile” prosegue Delmastro. ” In data odierna – conclude – ho depositato un’interrogazione affinché il Ministro degli Interni chiarisca la vicenda, senza lasciare zone d’ombra in ordine alla legittimità del funzionamento delle assemblee democratiche ed elettive“. Noi invece, che siamo meno importanti, abbiamo inviato un messaggio al sindaco di Salussola, che ci ha risposto: ” Ho già chiarito la cosa con la Prefettura che aspettava un mio riscontro “. Quindi tutto sembra rientrato, auspicando che il sindaco, la prossima volta, usi lo streaming.

 

8 maggio 2021 – redazione@salussolanews.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: