L’edificio della scuola secondaria potrebbe ospitare anche la primaria, ma solo dopo gli eventuali adeguamenti anti sismici

foto archivio salussolanet

Salussola – L’edificio della scuola secondaria potrebbe ospitare anche la primaria, ma solo dopo gli eventuali adeguamenti anti sismici. E’ appurato che l’edificio che ospita la scuola primaria di Via generale Riccardo Bignani, datato anni del 1400, non ha nessuna caratteristica anti sismica. Scorrendo il verbale di delibera di Consiglio, si legge che l’Amministrazione Comunale potrebbe optare, in futuro,5 per traslocare la scuola presso l’edificio che ospita la scuola secondaria. L’edificio che si chiama scuola secondaria don Francesco Cabrio è stato progettato, in ampie dimensioni e aule, con strutture in cemento armato già nel 1956, e inaugurato nel 1957. Di manifattura più recente del precedente, potrebbe avere delle caratteristiche tali da necessitare minori, ed eventuali, interventi di adeguamento anti sismico. Pertanto, in attesa di conoscere la meno o più vulnerabilità, e quali interventi apportare, è stata presa la decisione di fare eseguire delle indagini strutturali, assegnando il compito a dei professionisti.

È stato dato incarico a liberi professionisti circa la verifica della vulnerabilità sismica per un costo di circa 15.000,00 euro, comprendendo le prove tecniche dei materiali. Il procedimento consta di diverse fasi (per la Scuola Media) di cui la prima riguarda la raccolta dei documenti inerenti agli edifici compresi i certificati di collaudo della struttura, con un rilievo puntuale di tutti i materiali di costruzione nonché la travatura e l’ossatura del tetto (i tecnici ufficiosamente hanno detto che è fatto benissimo); successivamente i dati saranno inseriti su appositi programmi e saranno simulate le fasi sismiche. In seguito sono stati effettuati i prelievi dei campionamenti di tutti i materiali che verranno analizzati e verranno fatte delle prove tecniche in laboratorio autorizzato con tempistica d’ invio risultati variabile tra febbraio e marzo 2023. In base ai risultati attenuti si vedrà quali opere saranno da eseguire e le risorse verranno reperite nel Bilancio Comunale. Si è deciso d’ iniziare con le verifiche della vulnerabilità sismica dalle scuole medie in quanto l’edificio ha già una struttura in cemento armato e dove un eventuale adeguamento sismico sarebbe meno complicato e oneroso. Inoltre l’edificio ha una capienza ampia di aule che si presterebbe eventualmente a ospitare alunni di altri plessi scolastici (ad esempio le elementari). Si sta, infatti, ipotizzando, in caso di necessità, di accorpare gli alunni di scuole elementari e medie, come d’altronde previsto nel progetto dell’edificio nel 1956, anno di costruzione. Eventuale accorpamento al termine dei lavori di adeguamento sismico porterebbe anche a un risparmio in termini energetici e di riscaldamento; anche dal punto di vista del trasporto scolastico l’accorpamento porterebbe un risparmio sui costi di trasporto scuolabus, necessitando di un unico giro per ambo le due scuole.”

30 dicembre 2022 – redazione@salussolanews.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: