La cabina telefonica di Salussola verrà tolta

Salussola – E’ finita un’era, la maggior parte delle cabine telefoniche sparse per l’Italia, saranno smantellate. Nei fatti l’inutilità era già evidente da tempo, con la diffusione della telefonia mobile, ma adesso viene sancita dalla decisione dell’autorità garante delle comunicazioni, che ha dato l’assenso alla rimozione. Se ne salverà qualcuna, negli ospedali, nelle scuole e in luoghi dove viene fatta esplicita richiesta da parte dei cittadini, ma le cabine del telefono saranno un ricordo. I dati parlano di soli 130mila telefoni pubblici rimasti ancora in funzione in Italia, quindici anni fa erano ancora 300mila. Lo scorso anno nell’80% delle cabine telefoniche sono state effettuate meno di tre chiamate al giorno. Insomma un destino segnato e una storia piena di ricordi. Siamo passati da periodi, in cui non tutti avevano il telefono in casa, fino agli anni ’70, e i telefoni pubblici erano gli unici “apparecchi” per contattare parenti e amici, all’incetta di “gettoni” per le telefonate lunghe, alle file fuori della cabine in vacanza, alle porte a “pacchetto”, al caldo d’estate nelle vecchie strutture della Sip, poi le schede telefoniche, le cabine più spaziose e i telefoni più piccoli, ma anche vandalismi e cornette strappate. Insomma un pezzo di storia d’Italia. La cabina telefonica di Salussola, l’unica in paese,  fu collocata nella posizione attuale, per interessamento dell’allora Amministrazione Comunale, solo alla fine degli anni ’70, in quanto era venuto meno il posto di un telefonico pubblico. [claudio/salussola]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: