Proverbi e detti piemontesi della cultura contadina di un tempo che hanno come filo conduttore la Pasqua

SalussolaProverbi e detti piemontesi della cultura contadina di un tempo che hanno come filo conduttore la Pasqua

  • Content come na Pasqua 
(Contento come una Pasqua)
Dopo i digiuni della Quaresima, nonché nella simbologia ecclesiastica,  la Pasqua giunge come una liberazione; quindi sentirsi come nel giorno indicato significa essere felici e soddisfatti.
  • La Quaresima l’è curta per chi a dev paghè a Pasqua  
(La Quaresima è corta per chi deve pagare a Pasqua)
Anche quaranta giorni sembrano pochi per chi ha un debito da saldare.
  • Natal con ij toi, Carvé con ij mat, Pasqua con chi ‘d veul 
(Natale con i tuoi, carnevale con i matti, Pasqua con chi vuoi)
Questo vecchio proverbio risulta più completo del moderno ” Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi “, inserendo anche carnevale da trascorrere in compagnia dei “matti” secondo la tradizione che autorizzava la trasgressione nei giorni della follia del carnevale.
  • Quand a Natal as va al sol, a Pasqua a sa sta davsin al feu  
(Quando a Natale si va al sole, a Pasqua si sta vicino al fuoco)
Secondo la tradizione dei dì ‘d marca, alcuni giorni erano considerati indicatori delle future condizioni atmosferiche. Natale era uno di essi: il sole significava pioggia a Pasqua e viceversa. Pare che il proverbio si sia sempre rivelato esatto.
17 aprile 2022 – redazione@salussolanews.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: