E’ partito il taglio del riso nelle province di Vercelli e Biella con un calo stimato del 10%

salussolanewsSalussolaNews 20231005 180800 scaled

Salussola / Vercelli – E’ partito il taglio del riso nelle province di Vercelli e Biella con un calo stimato del 10%. Articolo tratto dal sito web della Coldiretti Biella Vercelli: https://vercelli-biella.coldiretti.it/news/riso-taglio-al-via-con-10-2/

E’ partito il taglio del riso nelle province di Vercelli e Biella con un calo stimato del 10%, in un momento dove le temperature si registrano ancora estive. E’ quanto emerge dal monitoraggio di Coldiretti in occasione dell’inizio della raccolta del cereale più consumato al mondo con oltre diecimila famiglie, fra dipendenti e imprenditori, impegnate lungo la Penisola in questa filiera produttiva.

“La stagione è stata caratterizzata dai primi mesi invernali e primaverili molto siccitosi – spiega Roberto Guerrini, Presidente di Coldiretti Vercelli-Biella e membro di giunta di Coldiretti Piemonte con delega territoriale al settore risicolo – per poi registrare un diverso trend con piogge, anche abbondanti, nei mesi successivi per cui la produzione si stima possa avere un calo di circa il 10% per via del clima. Il 2023, infatti, che si posiziona in Italia al terzo posto tra gli anni più caldi dal 1800, ha visto il moltiplicarsi di bombe d’acqua, vento e grandine alternate a sbalzi termici traumatici, ma fortunatamente resta alta la qualità delle nostre produzione. A pesare, oltre agli effetti del clima pazzo, sono gli squilibri causati dalle manovre dell’India che sta spingendo per un aumento dei contingenti a dazio zero e per alzare i limiti di tolleranza sugli agrofarmaci come il triciclazolo. Una situazione che ha un impatto anche sull’Italia con le importazioni di riso dall’India che sono più che raddoppiate (+155%) nel 2023, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Istat relative ai primi sei mesi dell’anno”.

“Nonostante l’Italia sia il principale produttore di riso in Europa, con il 50% dei raccolti per un quantitativo di circa 1,4 milioni di tonnellate di risone all’anno, più di un 1 pacco di riso su 4 venduto in Italia arriva dall’estero. Per questo è necessario che tutti i prodotti che entrano in Europa ed in Italia rispettino i criteri di sicurezza alimentare ed ambientale adottati a livello nazionale e comunitario. Per sostenere la produzione nazionale bisogna lavorare sugli accordi di filiera che sono uno strumento indispensabile per la valorizzazione delle produzioni nazionali e per un’equa distribuzione del valore lungo tutta la catena, dalla produzione al consumo”, aggiunge il Direttore di Vercelli-Biella Luciano Salvadori.

Nelle vendite al dettaglio si sta affermando una nuova strategia di marketing, permessa dalla legge, con pacchi che mettono in evidenza la scritta “Riso da risotto” per poi indicare in piccolo, magari su un lato nascosto della scatola, tipologia riso Lungo A, origine in Myanmar, in Vietnam o in Cambogia. La Coldiretti consiglia quindi di verificare in etichetta che nei pacchi di “Riso da risotto” sia indicata l’origine italiana per un prodotto coltivato secondo criteri di salubrità e di sostenibilità ambientale e sociale.

https://vercelli-biella.coldiretti.it/


 6 ottobre 2023 – redazionale

SalussolaNews informa i Salussolesi dall'anno 2000

di Claudio Circolari; Blogger e Storico locale, Fotografo Amatoriale; Collaboratore Parrocchiale; Volontario Sociale: Tutto a titolo gratuito, senza scopi di lucro, ma solo per fini sociali