La Deposizione di Giuseppe Giovenone il Giovane è ritornata nella sua collocazione originaria. FOTO

IMG 20231023 151823 scaled

IMGaa 20231023 152433

Salussola – La Deposizione di Giuseppe Giovenone il Giovane è ritornata nella sua collocazione originaria. Dopo il recente restauro, effettuato nel laboratorio di Novara dei fratelli Vitelli, domenica scorsa 22 ottobre, in concomitanza dei festeggiamenti per il parroco don Lodovico De Bernardi, la tavola della Deposizione è ritornata nella sua collocazione originaria. Il dipinto eseguito da Giuseppe Giovenone il Giovane (1524-1608), figlio di Girolamo, poco dopo la metà del 1500, su tavole di legno, era già presente nella chiesa di santa Maria Assunta dallo scorso 20 agosto, quando venne depositato ai piedi dell’altare, nella prima cappella laterale di sinistra, per la visione dei fedeli. Solo domenica è stata inaugurata la sua precedente collocazione, sopra l’altare, all’interno della cappella che fu della nobile famiglia Panerio. Per l’occasione è stata la madrina, quasi novantenne, signora Vincenzina Finotti Zambon a scoprire il telo che ricopriva il dipinto.


24 ottobre 2023 – redazione@salussolanews.it

SalussolaNews informa i Salussolesi dall'anno 2000

SOSTIENI SalussolaNews anche nel 2024