A 50 anni dall’alluvione del 2 novembre 1968, Salussola ricorda le sue vittime. COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE DI SALUSSOLA

Salussola – A 50 anni dall’alluvione del 2 novembre 1968, Salussola ricorda le sue vittime. COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE DI SALUSSOLA – RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

A 50 anni dall’alluvione del 2 novembre 1968, Salussola ricorda le sue vittime. Cade quest’anno il cinquantenario dell’alluvione che ha colpito il Biellese e l’alto Piemonte portandosi letteralmente via 72 persone, a ricordarci quanto il nostro territorio sia fragile di fronte ai capricci del Tempo meteorologico. L’Amministrazione Comunale di Salussola vuole ricordare tutte le vittime di questa tragedia ed in particolare le due signore Erminia Minotto e Natalia Buglietti, nate e residenti in paese che per una causa fortuita persero la vita. Aveva iniziato a piovere copiosamente il 1° di novembre, mentre la gente si muoveva ancora tra casa e lavoro, il 2 novembre, un sabato, l’onda di piena dell’Elvo aveva provocato vari allagamenti nei pressi del ponte. La casa della Signora Erminia aveva anche il negozio al piano terra, l’edicola del paese. La visita di sua sorella Michelina e della signora Natalia, nonostante la pioggia, non le sarà sembrata strana anche perché la posizione dell’abitato, relativamente sicuro, era al di sopra del lago che si era ormai formato al posto dell’Elvo. Infatti non fu l’acqua del fiume a portarsi via le due donne, ma bensì un muro che cedendo sotto la forza della terra ormai impregnata dalle piogge, travolse come una frana la casa lasciando viva solo la sorella Michelina “.

Nelle immagini si vedono i resti della casa franata e lo spazio vuoto lasciato dalla casa della Sig.ra Erminia, portata via dalla frana.
La prima foto di sx è del 3 novembre 1968 e quella di dx del 4 novembre 1968.

 

31/10/2018 – © redazione@salussola.net

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: