Conoscere le opere d’arte di santa Maria Assunta: il pulpito

Salussola 31 luglio 2019 – Conoscere le opere d’arte di santa Maria Assunta: il pulpito. Il pulpito della pieve di santa Maria Assunta di Salussola, è da annoverarsi tra le più singolari e caratteristiche opere del genere esistenti nel Biellese.  Fu eseguito nel 1711-1712 dallo scultore Carlo Francesco Aureggio-Termine, con l’aiuto del maestro Giuseppe Bernardo Barile, entrambi abitanti a Biella.  Probabilmente il lavoro non fu eseguito nel tempo stabilito, novembre 1711, perché l’Aureggio sul pannello centrale pose la firma e la data dell’anno seguente: Carlo Franc.co Termine – 1712. La base è formata da quattro grandi figure rappresentanti i dottori della chiesa, san Girolamo, san Gregorio Magno, sant’Agostino e sant’Ambrogio, con simboli e motivi ornamentali, che sorreggono a modo di cariatidi l’intera opera. Putti, angeli e cascate di fiori inquadrano i sette pannelli, che formano il corpo centrale, in cui l’artista canta le glorie della Madonna, con episodi del vecchio e nuovo Testamento.  E’ un lavoro che non lascia respiro per le molteplicità dei particolari e l’esuberanza degli ornamenti; però non si può non ammirare l’abilità tecnica dell’esecuzione e l’armonia dell’insieme. Quasi sicuramente questo pulpito fu scolpito in alcune parti dallo scultore Carlo Francesco Mulatera, poiché esistono in Archivio Parrocchiale due ricevute di pagamenti rilasciate al detto scultore “ a conto delle fatture da me fatte… per d.a fatura del Pulpito che il Sig. Termine doveva dare ultimato fra tutto il mese di Novembre del anno mille sette cento undeci “.

© redazione@salussola.net

SalussolaNews informa i Salussolesi dall'anno 2000

di Claudio Circolari; Blogger e Storico locale, Fotografo Amatoriale; Collaboratore Parrocchiale; Volontario Sociale: Tutto a titolo gratuito, senza scopi di lucro, ma solo per fini sociali