Per la calamità del 7 giugno scorso, il Comune ha chiesto 300 mila euro allo Stato

Salussola 5 settembre 2020 – Per la calamità del 7 giugno scorso, il Comune ha chiesto 300 mila euro allo Stato. Il nubifragio dello scorso 7 giugno, ha portato numerevoli dissesti idrogeologici in alcune zone del Comune. Va ricordata tutta la zona di Via Mulino del Maglio, quella di Via Bergana ed alcune frane in Valquera, ma tralasciando la Sp 143 Vercellese che è di competenza della Provincia di Biella. Le opere piu onerose sono risultate essere in Via Bergana, che necessitano di un consolidamento collinare e della stessa strada che ha bisogno di un consolidamento di ripa dal lato del rio Biecchio. Il geologo incaricato dal Comune ha emesso la sua sentenza, indicando le soluzioni, ma bisogna intervenire al più presto. Una buona parte del territorio comunale è soggetta a dissesto idrogeologico, la morfologica è tale. Il primo aiuto finanziario è stato richiesto alla Regione Piemonte, che dichiarandosi non competente ha indirizzato il Comume verso il Ministero dell’Interno Protezione Civile. E questi ultimi giorni, approssimandosi la data di scadenza per questa tipologia, il Comune di Salussola ha inoltrato, con tanto di documentazione, una richiesta allo Stato di 300 mila euro, per opere di messa in sicurezza del territorio.

redazione@salussolanews.it

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: